Romeo Ferraris Giulietta TCR: belva da competizione

Romeo Ferraris Giulietta TCR: belva da competizione

Romeo Ferraris Giulietta TCR: belva da competizione

Romeo Ferraris Giulietta TCR si appresta a scendere in pista nel Campionato Turismo 2016. Spicca per originalità e cura nei dettagli

chiudi

Caricamento Player...

Romeo Ferraris ha distribuito le prime immagini dell’Alfa Romeo Giulietta sviluppata per la TCR Series. «È stato un lavoro lungo e durissimo. Volevamo portare in pista la Giulietta prima del finale di stagione – ha dichiarato Mario Ferraris – Il primo test della Giulietta si è svolto nella prima settimana di novembre; l’obiettivo era di spedire l’auto a Macao per prendere parte all’ultimo evento della TCR International Series. Purtroppo i piani si sono rivelati più ottimisti e ovviamente non abbiamo voluto rischiare di correre su una pista difficile come Macao senza aver accumulato l’esperienza necessaria. La vettura è ora pronta e abbiamo già testato il motore con risultati promettenti. Ora abbiamo iniziato ad intraprendere lo sviluppo tecnico in pista.»

Dieci esemplari entro aprile 2016

La Romeo Ferraris Giulietta TCR prosegue dunque le prove di sviluppo nelle mani di Mario Ferraris e Salvatore Tavano (che è stato pilota ufficiale Alfa Romeo nel WTCC). Al momento l’azienda punta a produrre 10 esemplari entro aprile 2016. Il prezzo di vendita stimato dovrebbe essere € 98.000 (più il costo dei dati e tasse).

Le specifiche tecniche

Per ovvie ragioni delle specifiche tecniche si sa poco. Ecco i dati ufficiali forniti dalla Romeo Ferraris. Motore – 4 cilindri in linea, 1742cc. Trasmissione – Trazione anteriore, cambio Sadev a 6 marce a innesti frontali. Sospensioni – Anteriore: McPherson. Posteriore: multilink. Freni – Anteriore: 6 pistoni, dischi da 378 mm. Posteriore: 4 pistoni, dischi da 290 mm. Dimensioni – Lunghezza 4351 mm, larghezza 1950 mm, passo 2659 mm.

Il Campionato Italiano Turismo

Il Campionato Italiano Turismo 2016 prenderà il via nel weekend del 22 maggio all’autodromo di Monza in concomitanza con la TCR International Series, per poi proseguire lungo una stagione che conterà un totale di sette tappe, tutte su doppia gara da 25 minuti + 1 giro. Due i titoli tricolori in palio, rispettivamente per vetture in configurazione TCR (classe unica 2.0 turbo) e TCS (classi turbo: 1.4, 1.6, 1.8, 2.0) di stretta derivazione di serie. Il format dei weekend prevede due sessioni di prove libere da 30 minuti (o turno unico da 60) e due turni di prove ufficiali da 15 minuti divisi da 10 minuti di neutralizzazione. Il primo turno di prove di qualificazione determinerà la posizione in griglia di gara 1 e il miglior tempo ottenuto da ogni pilota nel secondo turno determinerà la posizione in griglia di gara 2. Lo start delle gare sarà con partenza da fermo. Il format degli eventi consente la partecipazione fino a due piloti sulla singola vettura con la quale dividersi equamente l’intero weekend (1 sessione di prove libere, 1 turno di qualifica, 1 gara ciascuno) e cumulare i rispettivi punteggi acquisiti per l’assegnazione dei titoli. In caso di equipaggio composto da due piloti, uno dovrà qualificare la vettura per gara 1 e l’altro dovrà qualificare la vettura per gara 2.