Come scegliere le pastiglie dei freni

Come scegliere le pastiglie dei freni

Come scegliere le pastiglie dei freni

Scegliere le pastiglie dei freni: più offerta di quanto si pensi

chiudi


Scegliere le pastiglie dei freni è meno semplice di quanto si pensi. In genere è il meccanico a preoccuparsene tra un tagliando e l’altro, e all’automobilista basta sapere che se preme il pedale, l’auto si ferma. Ma ci sono molte caratteristiche da tenere in considerazione, e in certi casi una scelta più informata potrebbe garantire prestazioni migliori.

Da un’auto all’altra

Le caratteristiche ideali delle pastiglie freni variano da un’auto all’altra. Le principali aziende del settore creano pastiglie specifiche per ogni auto. È quindi importante accertarsi della piena compatibilità con la marca, modello, anno e altri dettagli (propulsione, cilindrata etc) del proprio veicolo. Un ricambista esperto saprà sicuramente indicarvi il modello ideale.

Stile di guida e tipo di strade

Le pastiglie “originali” sono tuttavia pensate per un uso generico; è possibile scegliere le pastiglie dei freni ideali per le proprie necessità valutando il tipo di strade che si percorrono abitualmente e il proprio stile di guida. È una questione di materiali:

  • Le pastiglie organiche sono molto longeve e pronte da subito, ma sono poco efficienti in situazioni estreme – guida in montagna, traino rimorchi pesanti. Sono generalmente sconsigliate, anche perché perdono efficienza quando bagnate.
  • Le pastiglie semi-metalliche sono le “all purpose” che generalmente si trovano su ogni auto, quindi vanno bene per tutte le situazioni senza eccellere in nessun campo.
  • Le pastiglie sinterizzate si usurano con maggior velocità e sono un po’ più costose, ma hanno una frenata molto pronta e adatta anche a situazioni più estreme – uso in pista compreso.
  • Le pastiglie in ceramica (carbo-ceramiche, per la precisione) sono molto costose ma garantiscono le performance migliori anche in pista; devono prima riscaldarsi, però: finché non raggiungono la temperatura di esercizio ideale, la frenata risulta inefficace. Da usare solo in pista.

Meglio l’originale per l’uso quotidiano

Le categorizzazioni di cui sopra sono generiche e, in ultima analisi, non perfettamente conclusive. All’interno di ogni categoria, le differenze di performance da una pastiglia all’altra possono essere ampie: dipende dalla mescola di materiali con cui sono state costruite. Alla fine, la soluzione ideale è affidarsi al parere di un meccanico; per casi di uso “normale”, la scelta più semplice è rimontare quelle originali. Non ci sono (né ci saranno mai) dati sufficienti per stabilire “qual è la marca migliore”, perché il piede di ciascuno è diverso così come le auto, e i feedback riguarderanno sempre e solo l’esperienza personale.

Fonte foto copertina: Autoshepherd