Sigle oli lubrificanti, cosa significano e come leggerle

Sigle oli lubrificanti, cosa significano e come leggerle

Sigle oli lubrificanti, cosa significano e come leggerle

Sigle oli lubrificanti, un approfondimento sui significati

chiudi


Approfondiamo le sigle oli lubrificanti per capirne il significato e gli utilizzi. Questo non vi aiuterà a scegliere quello migliore per la vostra auto (lo sapete già: deve essere inderogabilmente quello che vi indica il produttore), ma vi fornirà un po’ di conoscenza in più sull’argomento.

Premessa importante

In caso di necessità di sostituire l’olio motore della propria auto, la regola d’oro è di rispettare con la massima precisione le disposizioni riportate nel cofano motore o nel libretto di istruzioni dell’auto (non la carta di circolazione). Non esiste un olio “migliore” o “peggiore”: le caratteristiche di ogni olio sono quelle che funzionano meglio con lo specifico motore della vostra auto.

Viscosità

La prima caratteristica che si guarda quando si identifica un olio è la sua viscosità. Per farlo esiste una tabella specifica, chiamata scala SAE (che sta per Society of Automotive Engineers), che misura il grado di viscosità. In genere viene rappresentata con due coppie di numeri, suddivisi da una W. Leggiamo per esempio la scheda di questo prodotto: Castrol EDGE Titanium FST 0W-30.

Le prime due cifre, quelle seguite dalla W, indicano il grado di viscosità a basse temperature. Quelle successive indicano quella ad alte temperature. Tutte le classi di viscosità incluse tra i due valori sono supportate, naturalmente. Ciò significa che il nostro olio rientra nei corretti parametri di viscosità da 0W fino a 30.

Capire cosa, esattamente, significhi un indice di viscosità non è altrettanto immediato. Il concetto generale è che determina quanto “scivoloso” è un olio a determinate temperature. Ma quantificare nel dettaglio le leggi fisiche che regolamentano il concetto è un compito per i libri di scuola. Tuttavia, per quanto riguarda lo specifico caso degli oli motore per auto, c’è una regola di massima: gli oli 0W funzionano correttamente fino a -35°; quelli 10W si fermano a -25; i 15W a -20; i 20W a -15; e così via. La temperatura massima è invece +30° per i -30; 40° per i -40; 50° per i -60.

Fonte foto copertina: Wikipedia