Suzuki vuole andare sulla luna: la Casa per il Google Lunar XPRIZE

Suzuki vuole andare sulla luna: la Casa per il Google Lunar XPRIZE

Suzuki vuole andare sulla luna: la Casa per il Google Lunar XPRIZE

Suzuki ha firmato un accordo di partnership con il team giapponese Hakuto. Questo è uno dei consorzi in gara per il Google Lunar XPRIZE

chiudi

Caricamento Player...

Ma quale guida automatica? Ma quali auto senza conducente? Gli orizzonti di Suzuki sono molto più ampi. Tanto da abbracciare… la luna! E da prendere parte quindi, anche se indirettamente, al Google Lunar XPRIZE. Ecco cosa è successo. La Casa giapponese fornirà il suo supporto tecnico per la costruzione di veicolo che si muoverà sulla superficie lunare (il rover). In che modo le auto possono essere utili per andare sulla luna? Attraverso le tecnologie di riduzione del peso e controllo della trazione. Quelle sviluppate per le vetture compatte ed efficienti e di veicoli a trazione integrale.

Il team giapponese Hakuto è finanziato privatamente per concorrere al Google Lunar XPRIZE. Questa è una competizione da 30 milioni di dollari svolta a livello mondiale. L’obiettivo è di far atterrare una navicella spaziale sulla superficie lunare entro il 31 dicembre 2017.

Fattori fondamentali per completare la missione con successo? La leggerezza del rover, che è cruciale nella riduzione dei costi di lancio. E la sua capacità di muoversi senza scivolare sulla superficie lunare. Suzuki ha deciso di sostenere il team Hakuto, perché le “insidie” possono essere molte.

Google Lunar XPRIZE, l’unione fa la forza

La superficie della luna è coperta per gran parte da uno strato sottile e molto scivoloso di regolite. Per muoversi facilmente su di essa, la trazione integrale sembra essere la soluzione migliore.

La storia del marchio di Hamamatsu, assieme alle più recenti tecnologie 4WD Allgrip, rendono Suzuki leader mondiale nella trazione integrale, garantendo prestazioni e sicurezza su varie superfici stradali e condizioni di guida.

Oggi questo sistema 4WD è adottato in molti modelli della gamma Suzuki, dalla compatta Swift alla Jimny. Così come sulle nuove S-Cross e Vitara.