Tesla Model X: un secondo incidente con l’autopilot?

Tesla Model X: un secondo incidente con l’autopilot?

Tesla Model X: un secondo incidente con l’autopilot?

Un nuovo incidente dovuto – forse – all’autopilot. Questa volta coinvolta una Tesla Model X, del gallerista Albert Scaglione

chiudi


Le pagine dei principali siti esteri, tra cui quella dell’Huffingtonpost da noi consultata, riportano che una Tesla Model X si sia schiantata contro il guardrail e sia finita fuori strada sulla Pennsylvania Turnpike. Pare che il conducente abbia dichiarato alla Polizia di aver attivato la modalità autopilot feature. Anche in quoto caso l’incidente è avvenuto alcuni giorni fa. Lo scorso 1° luglio, stando a quello che dice il The Detroit Free Press. Le due persone a bordo della Tesla Model X sono sopravvissute: uno di loro era Albert Scaglione, noto gallerista americano. Così come i conducenti dell’auto che poi si è scontrata con la Tesla.

Ora sarà la Polizia di Stato a condurre le indagini. Ancora è da chiarire se al momento dell’incidente la modalità autopilot era stata attivata. La Casa, infatti, ha poi riferito hai media americani che Nessun dato in nostro possesso ci fa pensare che il sistema di guida autonoma fosse in funzione al momento dell’incidente. Finché il cliente non risponderà alle nostre domande, saremo impossibilitati a indagare ulteriormente.

Tesla Model X, due indizi fanno una prova

Il Te l’avevo detto è sulle labbra di tutti coloro che hanno sempre nutrito forti dubbi sulla sicurezza della guida autonoma. E la polemica è più viva che mai, dopo la notizia di solo qualche giorno fa. Coinvolta, in quel caso, una Tesla Model S. Ma per il conducente, un ex marine di 40 anni, lo scontro con un tir che stava svoltando a sinistra è stato fatale. Il caso isolato non sarà più solo un caso isolato, se verrà accertato che nello scontro era attivo l’autopilot. E la sicurezza delle auto Tesla sarebbe messa in forte discussione. Per fortuna non ci è scappato il morto.