Test EuroNCAP 2015: ecco gli ultimi risultati

Test EuroNCAP 2015: ecco gli ultimi risultati

Test EuroNCAP 2015: ecco gli ultimi risultati

L’ultima serie dei crash test EuroNCAP 2015 si è rivolta sui veicoli commerciali medi. Ecco quali sono i risultati ottenuti

chiudi


L’ultima serie dei crash test EuroNCAP 2015, il progetto internazionale di cui anche ACI Italia è partner, ha appuntato l’attenzione sui veicoli commerciali medi nella loro versione per trasporti passeggeri. Nello specifico, i veicoli testati sono la Toyota Proace e la Citroen Spacetourer – nati dalla collaborazione delle due Case con la Peugeot il cui Traveller funge da base per questi modelli – hanno raggiunto l’eccellenza delle 5 stelle.

I voti dei test EuroNCAP 2015

Massimo dei voti per il family van giapponese di Toyota, che ottiene ottimi risultati per quanto riguarda la protezione dei bambini trasportati, con un incremento pari al 91%, ottenuto in particolare grazie a una straordinaria protezione dei piccoli fino ad un anno e mezzo. Anche la dotazione di sicurezza attiva della Toyota Proace ha contribuito, come sempre oramai, al raggiungimento del miglior risultato.

La situazione è simile – così come lo sono i risultati – per la Citroen Spacetourer che si fa apprezzare in particolare per la chiarezza delle informazioni che vengono fornite al guidatore circa la situazione degli airbag. Ancora perfettibile, invece, la protezione dei pedoni. Dal punto di vista della sicurezza attiva buono, tutto considerato, il livello delle dotazioni di base.

I test del futuro: ecco cosa cambia

Da ricordare che – a partire dal 2016 – nei crash test di EuroNCAP si applicherà il nuovo protocollo Dual Rating, che prevederà una doppia valutazione: verrà effettuata una prima valutazione del veicolo in riferimento a un equipaggiamento base in termini di sistemi di sicurezza (quasi una dotazione di serie); quindi verrà avviata una seconda valutazione del veicolo in riferimento a un equipaggiamento avanzato in termini di sistemi di sicurezza, veicolo dotato di un safety pack opzionale e disponibile su almeno il 50% dei mercati europei.