Tuning Fiat Panda

Tuning Fiat Panda

Tuning Fiat Panda

Tuning Fiat Panda, tutto quello che c’è da sapere sulle possibili modifiche da apportare alle vetture dell’azienda automobilistica italiana

chiudi


Hai in mente di personalizzare la tua nuova Fiat Panda? Non c’è altra soluzione che ricorrere alla pratica del tuning nata negli Stati Uniti d’America e oramai largamente diffusa anche in Italia. Scopri le varie possibili modifiche comprese nel tuning.

Cosa è il tuning?

Prima di tutto la parola tuning proviene dal verbo inglese to tune che significa regolare, accordare, mettere a punto.  Quando parliamo di tuning ci riferiamo ad una pratica che consente all’automobilista, rispettando la legge e gli standard previsti dalle aziende automobilistiche, di rielaborare la vettura secondo il proprio gusto personale. In pratica si tratta di modifiche che tendono a personalizzare la parte esteriore e interna del veicolo, ma anche la parte meccanica e funzionale. Sono diverse le modifiche che rientrano nella pratica del tuning, cerchiamo di capire la differenza tra tuning estetico e meccanico.

Tuning Fiat Panda

Il tuning estetico riguarda la parte esteriore ed interiore della vettura. Si andrà così a personalizzare non solo la carrozzeria della vettura, ma anche ad installare nuove componenti come alettoni posteriori, spoiler, minigonne, appendici sotto i paraurti, prese d’aria sul cofano e non solo. Rientrano nella categoria “tuning estetico” anche le pellicole oscuranti per chi richiede privacy all’interno dell’auto o delle leggere modifiche alle luci con il montaggio di fari led posteriori ed anteriori. Il tuning meccanico, invece, consiste in delle modifiche diverse che tendono ad incidere sul motore del veicolo e su altre componenti che incidono sul reale funzionamento su strada. Oltre al motore è possibile intervenire sul sistema frenate e sull’assetto del veicolo andando così personalizzare in maniera unica e singolare la vettura. Importante: le modifiche apportate, sia estetiche che meccaniche, devono rispettare i termini previsti dal CDS e gli standard riconosciuti dalle case produttrici.