Volkswagen BUDD-e: il futuro del 2019 è a Las Vegas

Volkswagen BUDD-e: il futuro del 2019 è a Las Vegas

Volkswagen BUDD-e: il futuro del 2019 è a Las Vegas

Volkswagen BUDD-e, presentata al CES di Las Vegas l’auto a emissioni zero con infotainment interattivo always-on. È ciò che guideremo nel 2019?

chiudi

Caricamento Player...

Se mai il futuro ha avuto una casa, essa in questi giorni è al CES di Las Vegas, il Salone delle meraviglie futuristiche dove da poco è stato presentato ufficialmente il prototipo del Volkswagen BUDD-e. Tirato fuori da un quadro di Boccioni e passato attraverso una dieta minimalista, il minivan a emissioni zero della Tedesca impressiona e soprattutto incuriosisce. Del resto è il primo modello basato sulla nuova piattaforma tecnologica Volkswagen per veicoli elettrici, che offre fino a 533 km di autonomia, il pianale modulare per veicoli elettrici MEB e batterie con un tempo di ricarica di soli 15 minuti. Futuristico sì, ma di un avvenire non remoto: Volkswagen BUDD-e è stato pensato per dimostrare come sarà cambiato il modo di viaggiare già intorno al 2019, tra tre anni appena.

Lo sguardo al futuro del Volkswagen BUDD-e è penetrante. E si reifica nel già citato MEB, un’architettura nata e pensata per veicoli elettrici e che quindi permette di progettare in modo del tutto nuovo il design di carrozzeria e interni, il package e le caratteristiche di propulsione dei veicoli Volkswagen a trazione elettrica. Con l’obiettivo, va da sé, di ottimizzare gli spazi e ottenere il massimo dell’abitabilità. Nello specifico, la batteria, piatta e poco ingombrante, ha l estese dimensioni dell’intero pianale del Volkswagen BUDD-e. Con i suoi 92,4 kWh di capacità alimenta un motore elettrico anteriore (100 kW e 200 Nm di coppia), e uno posteriore (125 kW e 290 Nm), per una potenza di sistema di 225 kW (306 CV).

Volkswagen BUDD-e

Volkswagen BUDD-e | Il pianale modulare per veicoli elettrici MEB

Volkswagen BUDD-e, il minimalista

Pulito, essenziale, lineare, forte. In una solo parola il design Volkswagen BUDD-e è minimalista. Il minivan della tedesca è lungo 4.597 mm, largo 1.940 mm e alto 1.835 mm e si presenta nella bicromia Nevada White (carrozzeria sotto il bordo dei finestrini) e Phoenix Copper dorata (tetto). La parte di carrozzeria che circonda il logo VW è realizzata in materiale sintetico trasparente e può essere retroilluminata nei modi più diversi tramite i moduli a LED. LED che troviamo anche nei principali gruppi ottici, rialzati. Del profilo laterale colpiscono la superficie vetrata estesa con montanti anteriori in vetro e i cerchi in lega leggera da 21 pollici. Come noterete dalle foto niente maniglie e niente specchietti laterali. Le forme dell’ampio portellone del posteriore richiamano quello del mitico T2 Volkswagen; infine, la caratteristica “C” a LED che incornicia la Drop Box estraibile.

Nuovo rapporto uomo-auto con il Volkswagen BUDD-e

La rivoluzione della Volkswagen BUDD-e è anche una rivoluzione d’interni: di classico rimane davvero poco. Per esempio, gli interruttori sulla plancia sono stati eliminati poiché ritenuti superflui nel futuro della mobilità elettrica. E, in effetti, l’abitacolo ha l’aspetto di un asettico salotto del futuro. I sedili di guidatore e passeggero anteriore sono montati su un pianale in legno massello; la seduta di quest’ultimo, inoltre, dotata di cintura integrale, può essere ruotato di 180° per dialogare con gli altri passeggeri. Il vano posteriore, rivestito con moquette, ospita due sedili tradizionali ma, quando il Volkswagen BUDD-e è fermo, è possibile anche utilizzare un sedile collocato in senso longitudinale rispetto alla direzione di marcia. Sulla fiancata di questa Volkswagen è integrato un monitor da 34 pollici.

Ma passiamo all’interfaccia vero e proprio, che il Volkswagen BUDD-e ha completamente rivoluzionato dopo aver eliminato la classica separazione tra strumentazione davanti al guidatore e schermo del sistema di infotainment nella consolle centrale, riunendo questi due elementi in un ampio e unico pannello che racchiude tutte le informazioni necessarie al conducente. Tutti i sistemi vengono utilizzati mediante comandi gestuali, funzione touch (display e touchslider) e comandi vocali: a conducente e passeggeri la scelta di cosa usare. Per esempio, basterà dire Fa troppo caldo perché Volkswagen BUDD-e regoli la temperatura senza altre indicazioni. Segniamoci la data: vedremo, nel 2019, quali meraviglie e quali promesse sono state davvero mantenute.