Le marche di orologi di lusso lottano per sentirsi “esclusive” online

2328

I marchi di moda di lusso sono stati definiti troppo conservatori per quanto riguarda l’innovazione digitale, ma sono decisamente all’avanguardia rispetto ai marchi di orologi di fascia alta.

In un’intervista al Baselworld di quest’anno, la fiera leader dell’orologeria, Jean-Claude Biver, responsabile della divisione orologi di LVMH, ha rivelato perché i marchi di orologi stanno finalmente abbandonando la loro zona di comfort. “Non ci siamo resi conto della velocità con cui i millennial avrebbero iniziato a comprare auto o orologi online”. Ha notato che dopo il lancio di negozi online negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e Cina, Tag Heuer è in procinto di costruire il proprio sito di e-commerce.

L’interesse dei marchi di orologi di fascia alta per l’e-commerce è influenzato in modo significativo dai consumatori cinesi, che descrivono lo shopping online come il loro hobby preferito e guidano la recente ripresa del settore. Nel 2017, i marchi di orologi svizzeri hanno registrato la loro crescita più forte in più di cinque anni, con le esportazioni in Cina che sono aumentate del 44% su base annua.

Alcuni marchi sono stati creativi nel trovare modi per stabilire la loro esclusività online. I marchi di orologi di fascia alta di Richemont hanno integrato le vendite con piattaforme online. Ad esempio, i consumatori possono non solo effettuare ordini sull’account WeChat ufficiale della International Watch Company (IWC), ma possono anche visualizzare modelli esclusivi.  L’orologiaio svizzero Roger Dubuis (del gruppo Richemont) ha adottato una strategia simile. L’anno scorso ha collaborato con Pirelli, produttore di pneumatici italiano, in una campagna WeChat chiamata ” Race Against Time “.  La campagna ha offerto ai consumatori una finestra limitata in cui acquistare determinati modelli.