Bitcoin: cosa sono e come funzionano

797
bitcoin

Spesso si sente parlare di bitcoin. Ma di che cosa si tratta esattamente? I bitcoin rappresentano una moneta virtuale che ha un valore economico, come le altre monete che esistono fisicamente. Possiamo utilizzare questi soldi virtuali per acquistare beni e servizi. In generale il valore dei bitcoin può cambiare in modo molto fluttuante, perché tutto dipende dalla richiesta e dall’offerta. Ma come funzionano esattamente? Qual è tutto il meccanismo che c’è dietro lo scambio di bitcoin? Ecco una piccola guida che può essere davvero significativa per capirne di più.

Come si possono evitare le truffe con i bitcoin

Alcuni evidenziano il problema che, attraverso l’utilizzo dei bitcoin, si potrebbe facilmente incorrere in delle truffe o in dei raggiri. In realtà questi pericoli sono quasi inesistenti, proprio per tutto il sistema di sicurezza che è stato messo in atto nell’operare con questa moneta virtuale.

Infatti ogni bitcoin è caratterizzato da un codice identificativo, che permette di risalire al proprietario. In questa maniera la moneta virtuale può essere utilizzata soltanto una volta e si possono evitare le truffe.

I bitcoin, oltre ad essere utilizzati per l’acquisto di prodotti e di servizi, possono essere anche scambiati con altre valute, come ad esempio il dollaro.

Però questi soldi virtuali non hanno una banca di riferimento. Possiamo soltanto fare affidamento sulla Bitcoin Foundation, un’associazione no profit che raccoglie tutti coloro che operano in questo settore.

Il portafoglio virtuale per l’acquisto dei bitcoin

Ma, se vogliamo acquistare bitcoin, qual è il primo passo che dobbiamo compiere? La prima operazione da fare è certamente quella che consiste nella creazione di un portafoglio virtuale, che si chiama wallet.

Si crea sul PC di ogni utente oppure sugli smartphone che utilizzano il sistema operativo Android. Poi si procede con il download della blockchain, una banca dati a livello globale che ha il compito di mantenere traccia di tutti i bitcoin utilizzati nel mondo.

Si sincronizza il proprio wallet con la blockchain e si crea un account da usare per tutte le operazioni. A questo punto l’utente si dedica all’attività di mining, che consiste proprio nel reperimento delle monete virtuali.

Per fare questo, si deve aderire ad un pool, che utilizza un complesso software per il calcolo di algoritmi. In questo modo viene stabilito il valore dei bitcoin. Accedendo all’account per la gestione della moneta virtuale, il sistema genera un codice di 34 caratteri, che in termini tecnici si chiama bitcoin address.

Questo codice è davvero molto importante e deve essere custodito con molta attenzione. È infatti il codice attraverso cui vengono contraddistinti tutti i bitcoin che ci appartengono. Se per esempio per caso perdiamo il codice, non possiamo più utilizzare tutti i bitcoin che abbiamo acquistato.

Le prospettive per il futuro sull’uso dei bitcoin sono davvero rosee, perché questa moneta virtuale è destinata a diventare sempre più importante. D’altronde non dobbiamo dimenticare che i bitcoin non corrono il rischio di inflazione. Su internet ci sono molti e-commerce ed e-shop che accettano pagamenti con questa moneta, per cui sicuramente nel tempo i bitcoin sono destinati ad entrare a far parte di un mercato ricco di opportunità.