La Cina sfoltisce l’albero delle criptovalute

Quando il Bitcoin è arrivato in Cina, ha trovato persone accoglienti, elettricità a basso costo e spazio per crescere.

2512
La Cina sfoltisce l'albero delle criptovalute

Quando il Bitcoin è arrivato in Cina, ha trovato persone accoglienti, elettricità a basso costo e spazio per crescere. In poco tempo l’industria del paese è esplosa, e per molti anni il mercato globale ha seguito il vantaggio delle aziende cinesi.

Anche ora, quando il governo cinese ha passato più di un anno a cercare di spremere la criptovaluta dal paese con regole sempre più repressive, quattro dei dieci più grandi scambi di criptovalute nel mondo vengono dalla Cina e due da Hong Kong. Chiaramente questa è una relazione che vale la pena esaminare.

Per come stanno le cose al momento, in Cina non è legale tenere un ICO o scambiare criptovaluta. Alle compagnie minerarie cinesi di Bitcoin, a lungo responsabili della produzione della stragrande maggioranza dei bitcoin del mondo, è stato detto di lasciare il paese. Questa direzione politica ha indubbiamente avuto il suo effetto. Secondo Bloomberg, lo yuan rappresentava il 93,2% del commercio mondiale di Bitcoin a gennaio 2017. A febbraio la People’s Bank of China decretava che le persone potevano acquistare e vendere bitcoin ma non potevano rimuoverle da uno scambio in alcun modo. Gli scambi hanno rispettato le istruzioni e a giugno la partecipazione dello yuan al mercato dei Bitcoin si è attestata solo al 9,7%.

Ma l’industria non è morta in Cina, tutt’altro. Michael Foster, co-fondatore dello scambio decentralizzato Local Ethereum, ha dichiarato a Finance Magnates che “il mercato cinese over-the-counter è in pieno boom.” La Cina è una delle sue maggiori fonti di commercianti e “decine di milioni di yuan di Ethereum” “Sono stati scambiati nello scambio nel 2018.