L’India potrebbe vietare le criptocurrencies

L'India dovrebbe vietare le criptovalute come il bitcoin a titolo definitivo, piuttosto che tentare di regolarle.

3932
L’India potrebbe vietare le criptocurrencies

L’India dovrebbe vietare le criptovalute come il bitcoin a titolo definitivo, piuttosto che tentare di regolarle, ha affermato uno dei più influenti esperti finanziari del Paese.

L’attività di controllo del mercato delle valute virtuali in continua evoluzione – comprendente oltre 1.500 varietà di monete – e il monitoraggio delle transazioni private e anonime è talmente complicato da complicazioni che l’India sarebbe meglio proibirle del tutto, ha detto l’ex Segretario agli affari economici Shaktikanta Das.

“Ammettiamo che non sarebbe possibile regolarlo in modo efficace, perché faranno transazioni dalle loro case”, ha detto in un’intervista a  Quartz. “Non puoi entrare in tutte le case per controllare quali transazioni stanno accadendo, quindi penso che questa sia una sfida seria e non dovrebbe essere assolutamente consentita”.

La Reserve Bank of India, la banca centrale del paese, si è a lungo opposta alle criptovalute, affermando già nel 2013 che considerava un rischio per la sicurezza e consigliava ai cittadini di investire in valute decentrate senza una base patrimoniale, riserve condivise dalle altre potenze asiatiche Cina e Sud Corea.