Toyota sponsor per il Capodanno dell’Urbe

Toyota sponsor per il Capodanno dell’Urbe

Toyota sponsor per il Capodanno dell’Urbe

Toyota sponsor principale per il Capodanno di Roma: il colosso giapponese al concerto di fine anno al Circo Massimo

chiudi

Caricamento Player...

Toyota sponsor sul palco suggestivo del Circo Massimo per l’immancabile Concerto di Capodanno, l’appuntamento musicale con il quale la Capitale festeggia, da sempre, l’arrivo del nuovo anno.

È un’occasione che Toyota coglie al volo per rimanere vicina ai propri clienti, per i quali si sta si impegnando in termini di miglioramento della qualità di vita. Da qui la spinta verso la tecnologia ibrida e l’impegno per realizzare un futuro diverso, attraverso l’uso dell’idrogeno. Proprio grazie all’ibrido (con il pioniere Prius, arrivato alla quarta generazione) e alla tecnologia Fuel Cell di Mirai, la prima berlina alimentata a idrogeno, Toyota mira al raggiungimento dei target per il 2050 che prevedono una riduzione della media globale delle emissioni di CO2 del 90% rispetto alla media del 2010. Il percorso di Toyota per migliorare la qualità di vita delle persone, vede importanti obiettivi anche nel medio termine, che la impegneranno per realizzare vendite annuali globali dal 2020 di almeno 30mila vetture equipaggiate con celle a combustibile (Fuel Cell); vendite annuali di 1,5 milioni di vetture Hybrid per raggiungere il traguardo dei 15 milioni di unità entro il 2020; ridurre di oltre il 22% la media delle emissioni di CO2 dei nuovi modelli entro il 2020 (rispetto alla media Toyota del 2010).

L’impegno del brand si unisce al divertimento della musica dei grandi nomi, protagonisti dell’evento del 31 dicembre. Il Concerto di Capodanno, con il patrocinio del Comune di Roma, vedrà impegnati sul palco artisti del calibro di Edoardo Bennato che inaugurerà le scene a partire dalle ore 22. A segnare il countdown per l’arrivo del nuovo anno, ci sarà l’attrice e conduttrice televisiva Gioia Marzocchi che accompagnerà il pubblico fino al brindisi di mezzanotte per poi introdurre le note della famosa band salentina dei Negramaro.