Agevolazioni auto disabili legge 104: cosa fare e come

Agevolazioni auto disabili legge 104: cosa fare e come

Agevolazioni auto disabili legge 104: cosa fare e come

chiudi

Agevolazioni auto disabili legge 104: tutti i dettagli su come richiederla

Agevolazioni auto disabili legge 104: una guida rapida per capire come sfruttare i contributi statali per l’acquisto di auto da parte di disabili.

Gli aiuti statali per le auto dei disabili

La legge 104 del 1992, tra le altre cose, riconosce alle persone disabili una serie di agevolazioni importanti per l’acquisto di un’auto. Le agevolazioni comprendono non solo sgravi sul pagamento dei tributi, ma anche sconti per l’acquisto di auto nuove e usate.

Ecco quali sono tutte le informazioni importanti a riguardo, come vanno usate e come si richiedono.

Chi sono i beneficiari

I beneficiari della legge 104 sono persone con certificato di disabilità che rientrano nelle seguenti categorie:

  • Non vedenti e sordi
  • Disabili con handicap fisico o psichico con indennità di accompagnamento
  • Disabili con limitazione grave delle capacità motorie

I benefici possono applicarsi sia direttamente al disabile o chi ce l’ha in carico. Accompagnatori ufficiali, famigliari e così via. L’entità delle agevolazioni varia con il tipo di disabilità e la sua gravità.

Le principali agevolazioni

  • Detrazione del 19 per cento delle spese per l’acquisto di un veicolo nuovo o usato. È possibile usufruirne una volta ogni quattro anni, a meno di furto o rottamazione. Si paga il veicolo a prezzo pieno, poi nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo sarà possibile detrarre il 19%. L’importo si può dilazionare in quattro anni oppure liquidarlo subito. La cifra massima per il veicolo non può superare i 18.075 euro.
  • Detrazione della totalità delle spese di manutenzione straordinaria (guasti imprevisti, no tagliandi)
  • IVA del 4 per cento (invece del 22) per l’acquisto di veicoli nuovi o usati per il disabile o chi lo ha fiscalmente a carico. Questo include anche le eventuali spese di adattamento
  • Esenzione bollo auto. Pur che la cilindrata non superi i 2.0 litri (benzina) o i 2.8 litri (diesel). È necessario fare richiesta esplicita all’ufficio tributi.