Apollo Arrow, un assaggio in attesa del Salone di Ginevra 2016

Apollo Arrow, un assaggio in attesa del Salone di Ginevra 2016

Apollo Arrow, un assaggio in attesa del Salone di Ginevra 2016

Si chiama Apollo Arrow il concept della nuova supersportiva di Apollo Automobil. Accontentatevi dell’immagine teaser in attesa del Salone di Ginevra 2016

chiudi


Dalle ceneri di Gumpert, come l’araba fenice, risorge Apollo Automobil. Cambia il nome, forse la forma, ma non di certo la sostanza della Casa tedesca dedicata alle supersportive che intendono lasciare tutti a bocca aperta. Per stabilirlo in maniera definitiva si dovrà attendere fino a marzo, quando si alzerà il sipario sul Salone di Ginevra 2016 e con esso anche sulla Apollo Arrow, nuovissima supercar di cui, oltre al nome e al teaser diffuso dal costruttore, si conosce ben poco. Al momento difficile persino stabilire, visti i pochi indizi a disposizione, se si tratti di una natural evoluzione della Apollo Gumpert o di qualcosa, invece, di mai visto.

Di Apollo in Apollo

In attesa di verificare quanto davvero la nuova Apollo Arrow debba al suo predecessore, torniamo per un attimo indietro al 2005, quando iniziò la produzione da parte della Gumpert al ritmo annuo previsto di circa 60 vetture. Il modello si contraddistingueva per le portiere ad “ali di gabbiano”, tipologia di costruzione portata al successo dalla Mercedes-Benz 300 SL ed era dotato di un motore che erogava 650 CV e 850 Nm di coppia (ma erano disponibili anche motori da 690 e 800 CV), basato sul 4,2 l V8 Audi.

Fonte foto: autoblog.it