Come pulire i tergicristalli: guida pratica e considerazioni

Come pulire i tergicristalli: guida pratica e considerazioni

Come pulire i tergicristalli: guida pratica e considerazioni

chiudi

Come pulire i tergicristalli, una guida semplice ma fondamentale

Come pulire i tergicristalli: tutte le cose importanti da sapere per mantenere in forma questo componente bistrattato, ma cruciale.

Una delle parti più sottovalutate dell’auto

Ok, diciamocelo, il tergicristalli non ha certo lo stesso “sex appeal” di un assetto sportivo o di un bel treno di cerchi in lega maggiorati. Non è una parte eccitante che soddisfa quando la si guarda, giusto? Eppure è tanto fondamentale quanto apparentemente insignificante.

Recenti studi scientifici dimostrano che alla gente fa comodo vedere fuori dal parabrezza quando piove. E non esiste un altro strumento in grado di garantirci questo lusso al di fuori del tergicristalli.

Un oggetto da curare

Il tergicristalli è soggetto a usura. È fatto di gomma, per altro molto sottile, per cui va trattato con cura e sostituito di tanto in tanto. Oggi cerchiamo di capire il sistema migliore per mantenerlo sempre nella miglior forma possibile.

Acqua e sapone

Il sistema più comodo per pulire la lama in gomma dei tergicristalli è un po’ di acqua tiepida mischiata a un po’ di sapone. Basta immergere un batuffolo di cotone, o un panno, nella soluzione, e passarla per l’intera lunghezza della lama. Ne uscirà davvero tanto sporco, quindi assicuratevi che lo straccio che usate sia destinato ai compiti più ingrati.

Potete risciacquare con abbondante acqua una volta completato il processo. Non c’è bisogno di essere troppo accurati: va bene un risciacquo grossolano.

Pulire i dintorni

Per evitare che le spazzole tergicristalli si rovinino – o meglio, per allungare loro la vita al massimo – cercate di tenere pulito anche il parabrezza. Sappiamo che la tentazione è forte, ma i tergicristalli non sono nati per rimuovere resti di insetti essiccati o schifezze di uccello.

Queste operazioni non fanno altro che intaccare la gomma del tergicristallo, che prima o poi comincerà a pulire in modo non uniforme – le famose “righe”.