DS 4: la prova di Auto e Lusso

DS 4: la prova di Auto e Lusso

DS 4: la prova di Auto e Lusso

DS 4. Abbiamo provato la piccola crossover da quartieri alti del nuovo marchio PSA in uno degli allestimenti più completi e sciccosi, dotata del brillante motore PureTech 130 S&S.

chiudi


La DS, giovane Casa del Gruppo PSA dal celebre blasone, è impegnata a dimostrare al mondo che trasformare la sigla dell’auto mito per eccellenza della Citroën in marchio non è soltanto un’abile operazione di marketing. Ma la base su cui costruire una produzione di vetture nuove ed originali con precise caratteristiche tecniche e d’immagine capaci di inserirle di diritto nella multiforme galassia delle vetture premium, che spazia dalle sciccose compatte ai modelli di classe superiore, declinati nelle differenti tipologie. Cosa abbiano in mente di proporre alla DS lo si è visto con il prototipo DS Divina (clicca per saperne di più), presentato a marzo al Salone di Ginevra e che vedremo probabilmente trasformato in realtà al prossimo IAA di Francoforte.

Nel frattempo ecco entrare sul mercato una gamma di vetture indubbiamente originale che è difficile collocare in un segmento preciso. Compatte nelle dimensioni, vagamente crossover nelle linee, curate nelle dotazioni ed eleganti negli interni. Molti particolari provengono dalle Citroen C4 ma sono stati assemblati e reinterpretati con gusto, ottenendo vetture simpatiche nell’aspetto e da “quartieri alti” nelle finiture.

Auto & Lusso ha provato per voi la DS4 equipaggiata con il nuovo motore PureTech 130 S&S, dotata tra l’altro di interfaccia di guida TouchPad 7” e il sistema Keyless Access & Start. Tipiche dotazioni di vetture premium di classe superiore.

Premium la DS4 vuole esserlo sin dal primo sguardo, con quella sua aria da piccola crossover raffinata ed elegante. È lunga 4 metri e 28 centimetri e larga 1 metro e 81 cm e alta 153 cm (4 in più della Citroën C4). Il muso è dominato dalla grande griglia nera a nido d’ape che caratterizza la famiglia. È tuttavia nella vista laterale che appare più evidente il richiamo alle linee tipiche delle crossover: il disegno è nel contempo filante ed elegante. Alla pulizia d’insieme contribuisco le maniglie delle porte posteriori inserite nella parte alta dei cristalli e rese praticamente invisibili. Le linee scolpite dei fianchi sottolineano l’aggressiva agilità. Originale ed elegante il disegno dei cerchi in lega leggera. Anche il posteriore appare profondamente scolpito, con il paraurti che forma un tutt’uno con il corpo vettura e integra i sensori di parcheggio.

Gli interni non deludono le aspettative. Tutto è curato al dettaglio e si respira un’aria di ricercata eleganza. Il volante multifunzioni, facilmente regolabile in altezza e profondità, presenta comandi facili e intuitivi che agevolano le operazioni di settaggio delle numerose possibilità offerte. Queste spaziano dal limitatore di velocità, alla sintonizzazione della radio, alle funzioni del telefono con modalità viva voce.

I quadranti e i display digitali degli strumenti offrono una eccellente visibilità ed è possibile variarne il colore. Possibile anche regolare manualmente l’intensità luminosa del posto guida in funzione della luminosità esterna. Funzione attivabile solamente con i fari accesi in modalità notte. Un particolare sistema permette inoltre di spegnere alcuni display per la guida notturna.

I sedili sono dotati di regolazione elettrica. Oltre allo scorrimento longitudinale permette di variare altezza e inclinazione della seduta, inclinazione dello schienale e il sostegno lombare. Esiste poi la funzione massaggio lombare, utile per tornare in forma dopo lunghe ore di guida. I retrovisori esterni, regolabili elettricamente, sono dotati di sistema di sorveglianza degli angoli ciechi. Una spia luminosa fissa appare nel retrovisore del lato interessato immediatamente quando si viene superati da un’altro veicolo, dopo circa un secondo quando si sorpassa lentamente un veicolo. Utile, sotto il profilo della sicurezza, anche il dispositivo che rileva il superamento involontario della segnaletica longitudinale orizzontale (linea continua o tratteggiata) e attiva un allarme. E il navigatore, visibile, oltre che sullo schermo della consolle, anche sul display del tachimetro, per limitare ogni distrazione durante la guida.

Continua a leggere la seconda parte

Vai alle schede tecniche e ai prezzi

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella galleria fotografica