F1 GP Abu Dhabi prove libere. Mercedes nasconde le carte

F1 GP Abu Dhabi prove libere. Mercedes nasconde le carte

F1 GP Abu Dhabi prove libere. Mercedes nasconde le carte

chiudi

F1 GP Abu Dhabi prove libere. La sorpresa sono le Mercedes. Hamilton primo e Rosberg secondo, ma senza l’usuale abisso con gli altri

F1 GP Abu Dhabi prove libere. Chi si aspettava il solito sfoggio di potenza delle astronavi Mercedes è andato deluso. Lewis Hamilton (1:40.861) e Nico Rosberg (+0.079) hanno fatto registrare come sempre i tempi migliori, ma non hanno inflitto il solito abissale distacco agli avversari. Sebastian Vettel (+0.269) è a soli tre decimi e per il week-and è particolarmente fiducioso. Altrettanto convinti di fare bene nell’ultima gara della stagione sono Max Verstappen (+0.528) e Daniel Ricciardo (+0.529). Nella simulazione passo gara le Red Bull sono andate addirittura più forte delle Mercedes. Buoni anche i tempi dell’altro ferrarista, Kimi Raikkonen (+0.603).

Red Bull e Ferrari sognano il colpaccio

Sia Red Bull sia Ferrari sperano dunque nel colpaccio che tra l’altro favorirebbe Rosberg nella conquista del titolo mondiale. Nico vince se arriva a podio; se finisce quarto, quinto o sesto ed Hamilton non vince; se finisce settimo o ottavo e Hamilton non fa meglio della terza posizione; se finisce nono, decimo o si ritira e Hamilton non fa meglio della quarta posizione. Hamilton dal canto suo non può fare altro che vincere e sperare che Red Bull e Ferrari gli facciano un favore mettendosi tra lui e Rosberg.

Hamilton sospetta il complotto

Lewis è sui carboni ardenti è ha rilasciato dichiarazioni sibilline che hanno già fatto la gioia dei complottisti. Ha buttato lì in una intervista un “tra dieci anni svelerò tutto in un libro”. Ciò ha portato acqua al mulino di quanti sostengono che il “tedesco” Rosberg sia stato favorito dal team rispetto all’ “inglese” Hamilton. Tutto sarebbe da ricondurre a inizio campionato quando tra i due piloti avviene uno scambio di tecnici ed ingegneri. I cinque di Nico vanno da Lewis e viceversa. I vertici Mercedes lo giustificano come normale rotazione ed inoltre un valido modo per aumentare lo spirito di squadra. Più volte durante la stagione la monoposto dell’inglese accusa problemi, mentre quella del tedesco è indistruttibile. Basta per dire che a Stoccarda vogliono un campione del mondo tedesco?