F1: trafugati segreti. Mercedes accusa un ingegnere

F1: trafugati segreti. Mercedes accusa un ingegnere

F1: trafugati segreti. Mercedes accusa un ingegnere

F1: trafugati segreti. La Mercedes fa causa all’ingegnere Hoyle. L’accusa, aver sottratto dati sensibili che potrebbero favorire la Ferrari.

chiudi

Caricamento Player...

F1: trafugati segreti. È questa l’accusa mossa da Mercedes a un suo ingegnere, reo di aver trafugato dati sul motore e alcuni codici necessari per decifrare la telemetria relativi al GP di Ungheria di quest’anno. La prima a rivelare i dettagli di una vicenda che ha tutti i contorni delle migliori spy story è stata l’agenzia Bloomberg.

Secondo questa, l’ingegnere motorista Benjamin Hoyle aveva comunicato nel maggio 2014 al team tedesco l’intenzione di lasciare la squadra alla fine di questa stagione. Nel mese di agosto, secondo l’agenzia inglese, era corsa voce che Hoyle sarebbe presto approdato a Maranello a partire dal 2016. Motivo per cui la Mercedes si era affrettata a trasferirlo dal programma della F1 a quello del DTM. Inoltre erano stati revocati i suoi accessi a banche dati e aeree sensibili dell’azienda.

Nonostante ciò Hoyle sarebbe venuto in possesso di dati segreti che potrebbero risultare estremamente utili nello sviluppo delle power unit. Da qui la denuncia della Mercedes che chiede la restituzione di tutti i documenti e la condanna al pagamento delle spese giudiziarie.

Secondo Bloomberg, nel rapporto dei legali del team tedesco si affermerebbe che il passaggio di Hoyle alla Ferrari permetterebbe a quest’ultima di acquisire un vantaggio illecito.

In Ferrari però non ci stanno. Sembra che Hoyle si sia semplicemente proposto come tanti altri ingegneri tornati sul mercato. Non risulterebbe alcuna trattativa in corso, tanto che la Ferrari ha deciso di intraprendere azioni legali per tutelare la propria immagine nei confronti di chiunque volesse sostenere il contrario.

Occorre in ogni caso sottolineare che in qualunque squadra Hoyle approderà, le normali clausole di salvaguardia, ovvero l’anno di pausa obbligatorio, gli impediranno di poter essere operativo prima della stagione 2017.