Ford modella il futuro (e risparmia) con l’argilla “ecologica”

Ford modella il futuro (e risparmia) con l’argilla “ecologica”

Ford modella il futuro (e risparmia) con l’argilla “ecologica”

chiudi

Ford ricicla oltre 2.000 kg dell’argilla che viene usata per i modelli in fase di progettazione. È l’equivalente di 3 modelli in scala 1:1

Vuoi progettare un nuovo modello? Incomincia a farlo con l’argillaSiamo costantemente influenzati dalle nuove tecnologie, ma quando si desidera visualizzare le proprietà fisiche di un veicolo nelle prime fasi del suo sviluppo, abbiamo ancora bisogno dell’argilla. Sono le parole di Lloyd Vandenbrink, Modeling Manager presso il Truck Studio Ford di Dearborn, Michigan. Quando un progetto è ancora in divenire, solo l’argilla permette revisioni e feedback immediati.

Nonostante l’Ovale Blu sostenga lo sviluppo del design digitale e delle nuove tecnologie, niente è meglio della costruzione di un modello in argilla a grandezza naturale di un futuro veicolo. I modelli in argilla rimangono una parte importante del processo creativo di Ford. Questo perchjé aiutano i progettisti a individuare le criticità di un veicolo, sia interne che esterne.

La costruzione di questi modelli richiede moltissima argilla. Ford utilizza fino a 90mila kg di argilla ogni anno per la costruzione di modelli in scala 1:1. In passato questo materiale non sarebbe stato riutilizzato. Ma durante gli ultimi 5 anni Ford ha utilizzato un macchinario brevettato ad hoc, in grado di riciclare oltre 9mila kg di argilla.

Questo quantitativo è l’equivalente di una dozzina di modelli a grandezza naturale. Per esempio, il modello in scala 1:1 costruito per lo sviluppo del nuovo Ford Raptor era costituito da circa 880 kg di argilla. Il team di sviluppo ha trascorso oltre 20mila ore modellandolo per 4 anni.

Argilla a tutto tondo: ecco tutto quello che Ford ricicla

Negli ultimi 5 anni, Ford ha riciclato abbastanza materiale per riempire più di 26.000 lattine da 33 cc. La quantità riciclata equivale all’incirca al peso di 3 elefanti. Lo Zolfo è sempre stato un elemento di rilievo nell’argilla, ma tenderebbe a scomparire una volta riscaldata, oltre ad avere effetti negativi sul funzionamento dell’elettronica. Quindi è stato eliminato nel corso degli ultimi anni