My Car My Data: online la nuova campagna di ACI

My Car My Data: online la nuova campagna di ACI

My Car My Data: online la nuova campagna di ACI

L’automobile Club d’Italia accoglie il progetto FIA sulla proprietà dei dati trasmessi dalle auto “connesse”: è la campagna My Car My Data

chiudi

Caricamento Player...

È ufficialmente partita anche nel nostro paese la campagna on line My Car My Data, una campagna internazionale di sensibilizzazione sul problema della proprietà dei dati trasmessi dalla propria automobile “connessa”. Le moderne auto equipaggiate con sensori, geo-localizzatori e dispositivi di comunicazione raccolgono e inviano dati relativi al conducente, incluse le informazioni che riguardano i comportamenti e le abitudini al volante. In futuro sempre più le auto saranno in grado di comunicare le preferenze alla guida e permetteranno in tal modo di offrire servizi personalizzati.

Le domande che stanno dietro alla campagna My car, my data sono: A chi vanno questi dati? A che scopo possono essere utilizzati? Come posso controllarli e scegliere se divulgarli o meno?

Promossa dalla Federation Internationale de l’Automobile e affidata per l’Italia all’ACI, la campagna My Car My Data si pone come obiettivo quello di informare e sensibilizzare tutti sul problema -che sempre di più investirà le nostre vite nel prossimo futuro – della effettiva proprietà di questi dati e della scelta sulla loro trasmissione che non può che spettare al singolo automobilista.

La FIA ha voluto su questo tema non solo impegnarsi in prima persona ma anche coinvolgere gli Automobile Club europei al fine di sollevare con forza il problema presso le autorità comunitarie di Bruxelles, affinché queste intervengano istantaneamente con una regolamentazione chiara e trasparente.

Campagna My Car My Data: parla Angelo Sticchi Damiani

Il presidente ACI Angelo Sticchi Damiani ha dichiarato: Senza dubbio l’auto connessa, traducendosi in maggiori informazioni per il conducente, potrà contribuire sensibilmente ad aumentare sicurezza ed efficacia alla guida. Ci sono, tuttavia, altri aspetti che vanno valutati attentamente. Mi riferisco alla necessità che gli automobilisti rimangano i proprietari dei dati prodotti dal veicolo e mantengano il diritto di decidere se e con chi condividerli. Altrimenti si creano i presupposti per un mercato governato esclusivamente dai costruttori e inaccessibile ai fornitori indipendenti di servizi.