mytaxi e Hailo: il taxi si chiama con un’app

mytaxi e Hailo: il taxi si chiama con un’app

mytaxi e Hailo: il taxi si chiama con un’app

mytaxi e Hailo creano la più grande società in Europa per la prenotazione di taxi tramite app. 100mila tassisti in più di 50 città di 9 Paesi

chiudi

Caricamento Player...

Non dovrete più ricordavi a memoria il numero per il servizio taxi di ogni città che visitate. mytaxi e Hailo, due società nel settore della prenotazione di taxi tramite app, uniscono le forze. E nasce così la più grande società europea in questo settore. Grande davvero, lo dicono i numeri: 70 milioni di passeggeri e 100mila tassisti registrati in oltre 50 città di 9 paesi. Dove non c’è una ci sarà l’altra. Hailo opera nel Regno Unito, in Irlanda e in Spagna. Mentre mytaxi è disponibile in Austria, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Spagna e Svezia. Viaggiare in taxi in tutta Europa sarà davvero più semplice.

mytaxi e Hailo, per muoversi con facilità

L’unione tra mytaxi e Hailo è un passo strategico per diventare leader delle piattaforme per la mobilità. Grazie a soluzioni facilmente fruibili, i clienti possono sfruttare diverse forme di mobilità. Sempre con trasparenza e facilità di pagamento. L’investimento si aggiunge ai quasi 500 milioni di euro che abbiamo già destinato negli ultimi anni ai servizi di mobilità. Siamo pronti per ulteriori investimenti strategici. Questo il commento di Klaus Entenmann, presidente di Daimler Financial Services AG.

Con l’unione tra Hailo e mytaxi, abbiamo creato la più grande società di prenotazione di taxi tramite app in Europa. È il frutto della sinergia tra una tecnologia leader a livello mondiale, un marchio iconico, collaboratori qualificati e il sostegno finanziario dei nostri azionisti“, ha aggiunto Andrew Pinnington, CEO designato di mytaxi.

Niclaus Mewes, fondatore di mytaxi, ha aggiunto: Hailo e mytaxi sono entrambi leader di mercato nei paesi in cui operano. Insieme siamo ancora più forti e intendiamo realizzare ulteriori soluzioni innovative per i trasporti e la mobilità, oltre a proporre a tassisti e passeggeri offerte convincenti.

L’annunciata proposta di fusione delle attività è subordinata all’approvazione delle Autorità di Regolamentazione Europee, la cui decisione è attesa nelle prossime settimane.