Renault Eneco: siglata intesa dopo il summit di Parigi

Renault Eneco: siglata intesa dopo il summit di Parigi

Renault Eneco: siglata intesa dopo il summit di Parigi

Renault Eneco: alla conferenza sul clima di Parigi si giunge a un accordo per la ricarica intelligente della Renault Zoe, berlina cento per cento elettrica

chiudi


La conferenza sul clima di Parigi, tenutasi nella capitale francese pochi giorni fa, ha radunato i potenti del mondo per discutere dell’emergenza del surriscaldamento globale. A parole i leader hanno espresso un consenso unanime verso politiche che limitino le emissioni di gas; e sembra anche che, dopo questo vertice, si tenterà di fare qualcosa di concreto. L’intesa Renault Eneco, siglata proprio al margine di questo incontro, cavalca l’onda della sostenibilità ambientale. L’accordo, infatti, prevede che Jedlix, filiale di Eneco, adatterà per la berlina cento per cento elettrica della Casa francese, la Renault Zoe, la sua applicazione di ricarica intelligente che consente di ricaricare un’automobile elettrica con energia rinnovabile, nelle fasce orarie in cui la tariffa dell’elettricità è più conveniente, come di notte.

Quanto l’accordo Renault Eneco possa effettivamente incidere nella battaglia globale contro il surriscaldamento resta ancora tutto da vedere. Certo è che si tratta pur sempre di un contributo di un costruttore, Renault, che nell’ambito della mobilità elettrica è sempre stato sempre tra i pioniere ed è tuttora l’unico in grado di proporre una gamma completa di veicoli cento per cento elettrici.

«Un passo per rendere più accessibili i veicoli elettrici»

Eric Feunteun, direttore del programma veicoli elettrici di Renault, commenta: I veicoli elettrici contribuiscono alla transizione energetica dell’industria automobilistica, poiché contribuiscono alla sostituzione delle energie fossili con energie rinnovabili. Con un sistema di ricarica intelligente come quello sviluppato da Eneco, i veicoli elettrici Renault migliorano sensibilmente la stabilità e l’affidabilità della rete. Più che un carico, i veicoli elettrici diventano un vantaggio per la rete, poiché immagazzinano e utilizzano l’elettricità quando è maggiormente low-carbon e meno costosa per gli utenti. La nostra partnership con Eneco rappresenta un passo importante per rendere più accessibile e interessante l’utilizzo di Renault ZOE, e contribuirà al cambiamento di scala del veicolo elettrico.

«La ricarica deve essere intelligente»

Marc van der Linden, membro del consiglio di amministrazione di Eneco, aggiunge: Si prevedono tre milioni di veicoli elettrici in circolazione in Europa entro il 2020. Per ridurre le emissioni di CO2 è indispensabile che tali veicoli utilizzino energia rinnovabile. È importante, inoltre, evitare il sovraccarico delle reti quando molti veicoli si ricaricano contemporaneamente. La nostra applicazione instaura un rapporto diretto tra il veicolo elettrico e la produzione di energia elettrica rinnovabile, in modo che l’energia utilizzata per ricaricare le batterie provenga maggiormente da fonti rinnovabili. Si favorisce, così, un miglior equilibrio tra l’offerta e la domanda di elettricità, con una conseguente riduzione del costo di utilizzo di un’auto elettrica, poiché la ricarica viene effettuata nel momento in cui l’elettricità è meno costosa.