René Gruau alla galleria Kefri di Bergamo

René Gruau alla galleria Kefri di Bergamo

René Gruau alla galleria Kefri di Bergamo

René Gruau, il più raffinato illustratore di moda del 900, è di scena alla galleria Kefri di Bergamo con alcuni manifesti originali di grande fascino.

chiudi

Caricamento Player...

I francesi lo amano talmente tanto da considerarlo uno di loro, e infatti più di una fonte sciovinista gli attribuisce la nazionalità transalpina. Ma di francese in realtà ebbe “solo” la madre: il padre (aristocratico) era italiano, e la città in cui nacque – giusto cento anni fa – è Rimini… Però è indubbio che il nome d’arte scelto dal conte Renato Zavagli Ricciardelli (1909-2004), uno dei massimi artisti pubblicitari del XX secolo, fu quella della madre Maria, e quindi suona “molto” francese: et voilà… Renè Gruau. Il genio, però, è italianissimo.

Per celebrarlo la Galleria Kefri con sede in via S.Orsola 19 F – Bergamo, lo ha inserito tra i suoi artisti preferiti con l’esposizione in Novembre di alcuni tra i manifesti più belli, quelli dedicati al Moulin Rouge e a Dior.

La carriera di Renè Gruau inizia nel 1924 con la collaborazione a «Lidel», una rivista italiana di moda, di figurini e pubblicità in stile Déco. Qui nasce il suo segno, curvilineo e marcato, dai colori forti e contrastanti (soprattutto il rosso e il nero), che lo impone all’attenzione delle grandi case di moda francesi. Ispirato da Toulouse Lautrec, negli anni Trenta si trasferisce da Rimini a Parigi.

Qui disegna per Jacques Fath e per Balmain, ma è soprattutto Dior a cercare la sua collaborazione e a instaurare con lui un rapporto duraturo che porterà poi a grandi risultati: basti pensare ai disegni per la pubblicità dei profumi «Eau Sauvage» e «Diorella». Ai vertici del successo, Gruau abbandona gradualmente il disegno di moda per dedicarsi alla pubblicità: aziende dei guanti, cappelli, cosmetici, biancheria e… auto.

Nascono così i celebri manifesti per la Martini, per gli impermeabili, ombrelli e calze Ortalion, per i tessuti Bemberg e, in tempi più recenti, le campagne per la Maserati.