Toyota Prius: arriva la quarta generazione

Toyota Prius: arriva la quarta generazione

Toyota Prius: arriva la quarta generazione

Il fiore all’occhiello della nuova generazione di Toyota Prius sono le emissioni, che raggiungeranno per la prima volta la soglia storica dei 70 g/km

chiudi

Caricamento Player...

La nuova e quarta generazione della Toyota Prius punta tutto su emissioni e motorizzazione: alimentata dalla trasmissione Full Hybrid Toyota di ultima generazione, il nuovo modello assicura ulteriori economie di consumo (solo 3.0 litri/100 km in ciclo combinato) e un’esperienza di guida estremamente gratificante. L’accelerazione è oggi più progressiva e silenziosa, grazie anche al lavoro di affinamento eseguito per assicurare maggior corrispondenza tra velocità della vettura e i regimi del motore.

La trasmissione Full Hybrid della nuova Toyota Prius è stata sottoposta ad affinamenti che ne migliorano l’efficienza, riducono il peso e massimizzano la performance. Le modifiche al motore hanno comportato un aumento dell’efficienza termica, che è oggi pari ad oltre il 40%, la migliore performance al mondo per un motore benzina. Altri componenti del sistema ibrido sono stati resi più compatti e ricollocati per contribuire all’abbassamento del baricentro.

La nuova batteria ibrida al nichel-metallo idruro risulta oggi più compatta e con un’autonomia e tempi di ricarica nettamente migliorati. Tutti gli interventi e le innovazioni appena descritte, rivoluzionano ancora una volta la definizione di “eco-car” e dimostrano come in 18 anni questo modello sia uscito dalla sua nicchia di estimatori per diventare una scelta mainstream capace di soddisfare tutte le esigenze, non soltanto quelle relative alla performance ambientale.

Toyota Prius

Toyota Prius, storicamente parca

Il primo modello di Toyota Prius era una semplice berlina quattro porte alimentata da un sistema ibrido che coniugava un motore benzina 1.5 VVT-i a ciclo Atkinson e un motore elettrico da 33 kW. Le emissioni di CO2 si attestavano a 120 g/km con una media dei consumi pari a 5,1 l/100 km. Questo packaging è stato poi rivisitato con la seconda generazione del modello, lanciata sul mercato nel 2003. Il nuovo sistema ibrido del 2003 adottava un pacco batterie più piccolo e leggero ma capace di assicurare una maggiore densità energetica. L’economia dei consumi risultava così migliorata del 15% (4,3l/100 km) e i livelli di CO2 ridotti a 104 g/km.

L’attuale generazione è stata lanciata nel 2009, portando con sé un incremento di potenza ed efficienza. Il nuovo sistema ibrido offriva una potenza superiore di oltre un terzo rispetto a quella offerta dal modello originale, con emissioni che andavano però a ridursi di un quarto e consumi che scendevano del 23%.

Look più elegante

Il frontale, in linea con l’eredità delle generazioni precedenti nel rendere il logo Toyota il punto d’attenzione principale, esprime un design innovativo. Il badge anteriore è collocato alla stessa altezza del cofano proprio come per la coupè GT86. La nuova Toyota Prius mantiene invariata la lunghezza del passo (2.700 mm), allungando però di 60 mm la lunghezza totale (4.540 mm). Risulta inoltre più larga di 15 mm (1.760 mm).

Gli interni ereditano il concept dei precedenti modelli, con il posizionamento delle funzioni il più vicino possibile al guidatore e spostando i display leggermente oltre. Il numero di componenti del pannello strumenti è stato ridotto (la sezione in Piano Black è composta da una singola unità). Questo crea un forte contrasto visivo con la zona della plancia e delle portiere, rivestite con un materiale di colore bianco soft-touch e anti-graffio.

 

Toyota Prius