Truffa auto della targa clonata come difendersi e cosa fare

Truffa auto della targa clonata come difendersi e cosa fare

Truffa auto della targa clonata come difendersi e cosa fare

chiudi

Truffa auto della targa clonata come difendersi, cosa fare e come reagire

Truffa auto della targa clonata come difendersi, come reagire e cosa fare quando succede. Ecco una delle truffe più insidiose e pericolose.

Un trucco stupido e semplicissimo ma che può creare grattacapi enormi

La truffa della targa clonata è vecchia come il mondo, e funziona sfruttando dei sistemi estremamente semplici e artigianali. Nonostante gli anni passino e le tecnologie di rilevamento automatico continuino ad evolvere, è ancora molto diffusa.

Il problema è che, anche se non ci colpisce direttamente, può creare molti grattacapi, sprechi di tempo e di denaro a causa della diabolica burocrazia italiana. Ora cerchiamo di capire come funziona e i passaggi necessari da compiere per difendersi.

Come funziona

“Clonare” la targa sembra un nome altisonante che fa venire in mente abili falsari, mentre in realtà tutto quello che serve è… un po’ di nastro adesivo o un po’ di bianchetto. Una C diventa una G, una B diventa un 8, e il truffatore può scorrazzare liberamente davanti agli autovelox senza paura di beccarsi una multa.

Il problema però si pone per il malcapitato che ha la stessa targa che i rilevatori della polizia hanno fotografato. Costui vede recapitarsi una o più multe che registravano reati assolutamente mai commessi. Magari in zone distantissime in cui non si è mai stati.

Come difendersi

La prima cosa da fare è telefonare al comando di polizia che ha emesso il verbale. Può sembrare banale, ma certe volte si risolve così, senza bisogno di altre complicazioni. Si spiega che non si è mai stati in quella specifica zona, che quel giorno si stava lavorando e così via.

Se la chiamata amichevole non sortisce effetto (in caso il vigile o chi per lui abbia ancora qualche dubbio sulla veridicità delle nostre parole), è necessario agire per vie legali. Si propone un ricorso in autotutela, oppure esporre una denuncia presso la Procura della repubblica.